Oracle Microsoft Partnership

Una buona partnership tra Oracle e Microsoft Cloud?

Questo mese, Microsoft e Oracle hanno annunciato una nuova partnership che vedrà le due società collegare direttamente i loro cloud su una connessione di rete diretta.

Secondo il team di marketing di Oracle, questo dovrebbe significare che i loro utenti possono spostare facilmente carichi di lavoro e dati tra le due società, oltre a migliorare la facilità di configurare le credenziali di sicurezza poiché la partnership include anche l'interoperabilità delle identità.

Per ora, l'interconnessione diretta tra i due cloud è limitata ad Azure US East e al centro dati Oracle di Ashburn. Le due società prevedono di estendere questa alleanza ad altre regioni in futuro, sebbene rimangano incinte sui dettagli. Supporta applicazioni come JD Edwards EnterpriseOne, E-Business Suite, PeopleSoft, Oracle Retail e Hyperion su Azure, in combinazione con database Oracle come RAC, Exadata e Oracle Autonomous Database in esecuzione su Oracle Cloud.

TechCrunch - Microsoft e Oracle collegano i loro cloud

Ma questo è un enorme passo avanti per gli utenti Oracle, o solo più rumore di marketing per il Cloud?

Cosa significa la partnership Oracle e Microsoft per te?

Preso direttamente dal comunicato stampa di Oracle, dicono che come risultato di questa partnership allargata, le aziende stanno mettendo a disposizione un "nuovo" insieme di funzionalità:


"Connetti perfettamente Azure e Oracle Cloud, consentendo ai clienti di estendere i propri data center locali a entrambi i cloud. Questa interconnessione diretta è disponibile a partire da oggi ad Ashburn (Nord America) e Azure US East, con l'intenzione di espandere altre regioni in futuro. "

Quindi la partnership attualmente consiste in un datacenter negli Stati Uniti e nessun calendario per il resto del mondo - è bello vedere come queste organizzazioni internazionali stanno pensando al quadro generale ...

Non solo, ma non vediamo alcun vantaggio in quanto i clienti "possono quindi spostare carichi di lavoro e dati tra le due nuvole". Potrebbero volere se a) il primo Cloud non avesse capacità (non dovrebbe mai accadere), b) per Disaster Recovery (ma il primo provider Cloud dovrebbe avere di nuovo più siti) o c) per ragioni geografiche (vogliono i loro dati) più vicino alla loro regione), ma ancora una volta il primo fornitore dovrebbe avere già questo.

Quindi qual è il vantaggio qui?


"Identità unificata e gestione degli accessi, tramite un'esperienza di single sign-on unificata e provisioning automatizzato degli utenti, per gestire le risorse su Azure e Oracle Cloud. Disponibile anche nelle prime anteprime di oggi, le applicazioni Oracle possono utilizzare Azure Active Directory come provider di identità e accesso condizionato. "

Siamo d'accordo sul fatto che questo è un vantaggio per il cliente, l'interoperabilità dell'identità di Oracle Cloud è sempre stata scarsa, il che significa che i clienti dovevano configurare ciascun sistema individualmente a qualsiasi provider di identità che stavano usando, o dover gestirlo manualmente.

Ciò significa che è possibile utilizzare Azure AD come provider di identità in quanto ciò renderà l'accesso molto più semplice da gestire a tutto tondo piuttosto che dover elaborare la connettività tra i due sistemi.

Ma ciò dipende dal fatto che abbiate già ENTRAMBI gli ambienti Oracle e Microsoft Cloud. Quante organizzazioni ci sono in questo campo?


"Implementazione supportata di applicazioni personalizzate e applicazioni Oracle pacchettizzate (JD Edwards EnterpriseOne, E-Business Suite, PeopleSoft, Oracle Retail, Hyperion) su Azure con database Oracle (RAC, Exadata, Database autonomo) distribuiti in Oracle Cloud. Le stesse applicazioni Oracle saranno certificate per funzionare su Azure con database Oracle in Oracle Cloud. "

Come sopra, questo è rilevante solo per i clienti che utilizzano già ENTRAMBI gli ambienti Oracle e Microsoft Cloud. La nostra esperienza nel settore è che la maggior parte delle organizzazioni sceglie i propri fornitori in modo strategico e investe solo in quell'area: il numero di organizzazioni che utilizzano più provider cloud è ridotto.

Detto questo, se si utilizzano entrambi i provider, ciò consente di utilizzare alcune delle migliori funzionalità di Microsoft per migliorare il software Oracle. Ad esempio, utilizzando il motore di analisi di Azure e integrandolo in Oracle Cloud per potenziare la sua funzionalità.


"Un modello di supporto collaborativo per aiutare le organizzazioni IT a implementare queste nuove funzionalità, consentendo al tempo stesso di sfruttare le relazioni ei processi di supporto clienti esistenti".

Forse Oracle sta cercando di imparare come fornire supporto da Microsoft? In ogni caso, non siamo convinti di questa promessa: qualsiasi supporto collaborativo arriverà comunque ad un prezzo elevato da Oracle e continuerà ad avere gli stessi difetti (guide DIY, mancanza di SLA e mancanza di report).


"Il database Oracle continuerà a essere certificato per l'esecuzione in Azure su vari sistemi operativi, inclusi Windows Server e Oracle Linux."

Niente di 'nuovo' qui, solo una dichiarazione che i due sistemi continueranno a lavorare insieme. Perché preoccuparsi di menzionarlo a meno che quella connessione fosse a rischio?

Questo è stato un motivo sufficiente per Oracle e Microsoft per collaborare?

Non siamo convinti della partnership Oracle e Microsoft: i vantaggi sembrano minimi e applicabili solo a un piccolo numero di organizzazioni, quindi perché preoccuparsi?

Si potrebbe sostenere che rende entrambe le società più competitive.

In primo luogo, offre a Microsoft qualcosa per competere con Redshift (Amazon data warehouse basato su cloud completamente gestito) - poiché Amazon offre porte facili per Redshift da Oracle e Microsoft non ha davvero molto in quell'area fino ad ora. Si adatta anche a una tendenza più ampia in Microsoft, che ha recentemente iniziato a costruire una serie di alleanze con altri grandi attori aziendali, tra cui l'alleanza open data con SAP.

Nel frattempo, Oracle ha faticato a guadagnare terreno nel mercato Cloud e questo potrebbe essere visto come un tentativo di "buddy-up" con un player importante contro Amazon, che è stato critico nei confronti di Oracle negli ultimi anni e ha ha recentemente annunciato di aver abbandonato i loro sistemi Oracle.

L'altra cosa è che questo permette a Oracle di guadagnare dei soldi Il contratto del $ 10bn JEDI del Pentagono per i servizi cloud in quanto questo è stato ridotto a Microsoft e Amazon ad aprile. Ciò rafforza l'offerta di Microsoft su Amazon (che è una vittoria dal punto di vista di Oracle!) E potenzialmente consente loro di ottenere denaro in licenza da questo accordo. Questo aiuta anche a dare un senso alla posizione limitata degli Stati Uniti per il lancio iniziale poiché è il loro obiettivo principale.

Stai ancora lavorando su cosa fare con il Cloud?

Questo annuncio altera i tuoi piani Cloud? Probabilmente no, ma molti organisle azioni non sono ancora convinte on qual è la loro strategia per il cloud. Contattateci oggi per parlare con i nostri esperti che possono guidarvi nel nostro approccio a Cloud ERP e come risparmiare denaro utilizzando il supporto di terze parti.


fonti: